Artemisia Gentileschi

Storia di una passione

L’identità della prima retrospettiva italiana della pittrice barocca Artemisia Gentileschi parte dall’idea alla base del teaser: sovrapponendo gli estremi dei caratteri ultra light ed extra bold, abbiamo ottenuto una A (di Artemisia) che mostra e nasconde il quadro più famoso dell’artista, Giuditta decapita Oloferne.

artemisia_cover_web

Il catalogo della mostra.

artemisia_25_web
artemisia_capilettera

Alcune lettere disegnate per i capolettera del catalogo.

artemisia_10-web
artemisia_18_web
artemisia_14_web
artemisia_12-web
artemisia_15-web
artemisia_26_web
artemisia_17-web
artemisia_16-web
artemisia_poster01
artemisia_manifesti_mod
artemisia_poster02
artemisia_mostra01-web

L’allestimento della mostra è stato progettato da DW-A.

artemisia_mostra02-web
artemisia_mostra07-web
artemisia_mostra11-web
artemisia_mostra12-web
artemisia_mostra10-web
artemisia_mostra06-web
artemisia_mostra05-web
artemisia_mostra04-web
artemisia_mostra03-web
artemisia_mostra08-web
artemisia_mostra09-web
a_invito4-web

L’invito era chiuso da un sigillo in ceralacca recante la A di Artemisia

a_invito1-web
a_invito3-web
a_invito2-web